Creare collegamenti ipertestuali

Dopo aver creato le singole diapositive del nostro ipertesto, dobbiamo ora collegarle l’una all’altra secondo l’ordine della storia che abbiamo inventato.

Dobbiamo cioè creare dei collegamenti ipertestuali.

Nell’immagine qui sotto, per esempio, la scritta “Paperino” deve collegarci alla diapositiva con l’immagine di Paperino.

Per prima cosa devo selezionare la parola, in questo caso “Paperino”.

selezionare testo.png

 

Devo poi cliccare su Inserisci e su Collegamento ipertestuale. Li vedete nell’ovale giallo e in quello rosso.

inserisci.png

Compare la finestra che vedete sotto. Bisogna ora cliccare su Inserisci nel documento (freccia rossa) e infine sulla diapositiva a cui vogliamo collegare la scritta. In questo caso è la diapositiva n° 2 (freccia arancione).

Terminiamo ovviamente con un clic su OK.inserisci collegamento ipertestuale.png

La parola “Paperino” si potrà cliccare e ci collegherà alla diapositiva n° 2, quella cioè con il disegno di Paperino.

Iniziamo a scrivere su Powerpoint le nostre storie: come si fa?

Quando apriamo Powerpoint ci compare una diapositiva come questa.

diapo iniziale.PNG

Come suggeriscono le scritte, possiamo inserire titolo e sottotitolo.

In qualsiasi diapositiva possiamo sempre inserire commenti e didascalie creando una CASELLA DI TESTO.

Per farlo bisogna cliccare su Inserisci (ovale giallo) e poi su Casella di testo (ovale rosso).

PP_inserisci_casellatesto.PNG

Infine si clicca sulla diapositiva e si inizia a scrivere. Qui sotto vedete la diapositiva con una nuova casella di testo.

Se tirate i bordi (freccia rossa) potete allargarla.

Cliccando sul pallino verde (freccia verde) potete ruotarla e quindi inclinare il testo.

PP_nuovacasellatesto.PNG

I vostri ipertesti!

Qui sotto potrete scaricare i files degli ipertesti che avete preparato! Alcuni rilevano la vostra cura, altri sono più trascurati. Per tutti, l’invito è di osservare il proprio lavoro e quello degli altri, prendendo esempio da ogni cosa che vi sembri ben fatta. 
Potete anche provare a valutare i lavori secondo questo schema: 

 

rubric valutazione.png

 

5A

Alessandro, Matilde, Sara, Simone

Alice, Giada, Vittorio

Marina, Martina, Matteo 

Filippo, Irene, Matteo

Alberto, Fabrizio, Maria Chiara, Stefano

Francesca, Gabriele, Rocco

Alessandro, Luca, Virginia

 

5B

Alessia, Enrico, Gabriele

Beatrice, Carlotta, Edoardo

Edoardo, Fabio, Paolo

Alberto, Anna, Shana

Aurora, Denis, Elisa, Gabriele

Luca, Ludovica, Niccolò

 

5C

Andrea, Marco, Teresa

Gaia, Matteo, Pietro

Chantal, Chiara, Francesco, Matteo

Alberto, Edoardo, Ilaria, Federico

Andrea, Anna, Fabio

Christian, Isaac, Lara

Alessandro, Annalia, Pietro

Creare collegamenti ipertestuali

Dopo aver creato le singole diapositive del nostro ipertesto, dobbiamo ora collegarle l’una all’altra secondo l’ordine della storia che abbiamo inventato.

Dobbiamo cioè creare dei collegamenti ipertestuali.

Nell’immagine qui sotto, per esempio, la scritta “Paperino” deve collegarci alla diapositiva con l’immagine di Paperino.

Per prima cosa devo selezionare la parola, in questo caso “Paperino”.

selezionare testo.png

 

Devo poi cliccare su Inserisci e su Collegamento ipertestuale. Li vedete nell’ovale giallo e in quello rosso.

inserisci.png

Compare la finestra che vedete sotto. Bisogna ora cliccare su Inserisci nel documento (freccia rossa) e infine sulla diapositiva a cui vogliamo collegare la scritta. In questo caso è la diapositiva n° 2 (freccia arancione).

Terminiamo ovviamente con un clic su OK.inserisci collegamento ipertestuale.png

La parola “Paperino” si potrà cliccare e ci collegherà alla diapositiva n° 2, quella cioè con il disegno di Paperino.

La storia a bivi, dalla struttura al testo

In questi giorni le classi quinte si sono divise in piccoli gruppi per inventare delle storie a bivi. Ciascun gruppo ha scelto dei personaggi e immaginato le varie possibilità che si incontrano nella storia creando così uno schema generale. Ho consigliato di fare questo schema con il diagramma ad albero (vedi post precedente) in modo da poter visualizzare facilmente tutti i passaggi. 

Dopo aver elaborato la struttura, bisogna passare alla scrittura vera e propria, immaginando particolari, nomi, descrizioni, emozioni. Tutto ciò che possa rendere la nostra storia interessante e appassionante.

Si tratta proprio di scrivere la storia, inventarla, come se foste scrittori.

Come vi dico sempre, non serve avere il computer se prima non si usa la testa!